Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

La fusione

Comunicazioni mission-critical, da Eurocom e Saitel nasce Sinora

Con il merger dei due operatori “storici” del settore nasce una nuova realtà per la system integration ad alta specializzazione. La Dg Sabrina Vescovi: “Vogliamo diventare un punto di riferimento per il mercato italiano”

10 Set 2019

A. S.

Una nuova realtà di system integration nel mondo delle comunicazioni mission critical: è Sinora, e nasce dalla fusione di due aziende storiche del settore, Eurocom telecomunicazioni e Saitel telecomunicazioni, due player che da oltre 30 anni sono stati complementari nello stesso mercato di riferimento. 

La fusione era partita a fine 2018 ed è stata finalizzata il 31 luglio. L’obiettivo di sinora, acronimo per SIgnal to NOise RAtio, è di diventare il system integrator di riferimento in Italia per le telecomunicazioni, in particolare per le reti radiomobili professionali private e pubbliche, e per le reti di videosorveglianza, in grado di offrire al cliente soluzioni chiavi in mano che comprendano la progettazione, lo sviluppo, la fornitura, la realizzazione e la manutenzione di impianti di piccola, media e grande capacità.

Dopo la fusione Sinora conta su quattro sedi in Italia (Riccione, Milano, Bologna, Roma), 53 dipendenti, 9 ingegneri, 18 tecnici specializzati, 7 commerciali e più di 7mila clienti, per un fatturato che supera i dieci milioni di euro.

L’offerta di Sinora si rivolge ai mercati “mission-critical” che richiedono elevati livelli di performance, capacità di intervento tempestivo e competenze specialistiche, e tra i clienti compaiono realtà che devono erogare servizi di sicurezza governativa, polizia, protezione civile, emergenza sanitaria, oil&gas, multiutilities, trasporti e tutte quelle realtà industriali che hanno l’esigenza di avere comunicazioni rapide, efficienti e sempre disponibili, soprattutto in caso di emergenza. 

“Lavoriamo per la vita e la sicurezza del Paese e questo ci impone di mettere in campo il massimo delle competenze, della professionalità e dell’innovazione tecnologica –  spiegano i legali rappresentanti Cesare Migani ed Elisabetta Cadonici – Siamo stati per tanti anni aziende leader in un settore molto specifico, a volte anche concorrenti: ora puntiamo a crescere ancora di più, con un team più forte e con competenze complementari, perché i brand che proponiamo rappresentano i più grandi player mondiali nel mercato di riferimento e richiedono sempre più professionalità e presenza sul mercato”. 

“In un mercato in cui sempre più viene richiesta specializzazione, professionalità e capacità di risoluzione di problematiche complesse, questo è il momento ideale per unire le forze di due aziende che operano nello stesso mercato di riferimento con una storia ultra-decennale, proponendo soluzioni tecnologie complementari ma con il grande vantaggio di coprire vertical di mercato differenti. Questo sarà il grande valore aggiunto che Sinora riuscirà a proporre ai propri clienti e partners – aggiunge la Dg Sabrina Vescovi – Dopo tanti anni di attività siamo ancora in campo, più determinati che mai, per raccontare una nuova fase della storia delle nostre aziende. Vogliamo diventare il punto di riferimento tecnologico sul mercato italiano per aziende e operatori del settore. Sinora non vuole essere la semplice somma di due aziende, ma una nuova realtà integrata, in cui struttura organizzativa e manageriale si fondono, insieme alle competenze commerciali e tecnico specialistiche, per aprirsi a nuovi mercati e vertical, forti di una nuova veste e allo stesso tempo di un’esperienza ancora più completa e di una presenza capillare sul territorio”.

“Il compito di un imprenditore è creare ma anche mantenere nel tempo – conclude Fabio Cadonici, direttore vendite – Sinora nasce per dare un futuro a due realtà che hanno già fatto la storia e che hanno nel tempo puntato a inserire nuove risorse giovani per creare un futuro di continuità. Con questo merger siamo certi di poter dare a queste risorse la possibilità di preparare il futuro tecnologico delle prossime generazioni”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4