Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Scenari

Il risk management nelle banche del futuro secondo McKinsey

Il working paper di McKinsey sulla risk function delle banche da qui al 2025.

17 Dic 2018

La gestione dei rischi nelle banche è cambiata notevolmente negli ultimi dieci anni. Il regolamento emerso dalla crisi finanziaria globale ha innescato un’ondata di cambiamenti come capitale più dettagliato ed esigente, requisiti di sfruttamento, liquidità e finanziamento, nonché norme più elevate per la segnalazione dei rischi, come BCBS 239. Le banche hanno investito nel rafforzamento delle loro culture di rischio e hanno coinvolto i loro boards nelle decisioni per affrontarli. Hanno anche cercato di delineare le linee di difesa.

Il futuro del risk management

Da oggi al 2025 ci si aspetta una trasformazione nella gestione del rischio ancora più radicale rispetto all’ultimo decennio. Secondo il working paper redatto da McKinsey intitolato The future of bank risk management, sono sei le tendenze strutturali suscettibili di rimodellare la gestione del rischio delle banche nei prossimi dieci anni. Il regolamento continuerà ad ampliarsi poiché il sentimento pubblico diventa sempre meno tollerante nei confronti di errori prevenibili e affari inappropriati. Contemporaneamente, le aspettative dei clienti sui servizi bancari aumenteranno e subiranno cambiamenti tecnologici. Le funzioni di rischio dovranno  far fronte all’evoluzione di nuovi tipi di rischio (ad esempio modello, contagio, e Cyber) che richiedono nuove competenze e strumenti.

Fortunatamente, la tecnologia in evoluzione e le analisi avanzate generano nuovi prodotti, servizi e tecniche di gestione del rischio, mentre gli approcci di depolarizzazione che migliorano il processo decisionale aiutano i gestori del rischio a prendere decisioni migliori.

L’evoluzione del Risk function verso il 2025

Il paper delinea poi come evolverà la risk function nel 2025. È probabile che sarà rivestita di responsabilità più ampie, sarà molto impegnata a livello strategico e con relazioni molto più forti e collaborative con altre parti della banca. Il suo pool di talenti sperimenterà un enorme spostamento di competenze verso una migliore analisi e una maggiore collaborazione. IT e dati saranno probabilmente molto più sofisticati, spesso impiegando big data e algoritmi complessi. Di conseguenza, la funzione di rischio può essere in grado di fare decisioni migliori di rischio a costi di gestione più bassi e intanto la creazione di esperienze clienti superiori.

La funzione di rischio dovrebbe diventare sempre più un fattore di differenziazione tra le banche, contribuendo a determinarne il successo. Tuttavia, rimane una possibilità solo per quelli che intraprendono una trasformazione considerevole e nell’immediato. Una ricchezza di potenziale valore li attende.

Il ruolo dei Chief Risk Officier

Infine, viene posto in evidenza come dovrebbero agire i senior risk manager per preparare le loro funzioni ad affrontare le tendenze imminenti. Le raccomandazioni di McKinsey si basano sull’esperienza comprovata sulla gestione del rischio dovuta alla vasta gamma di clienti , alla ricerca su argomenti quali il futuro dell’attività bancaria globale, del regolamento, delle banche digitali e delle analisi avanzate e molte discussioni con i dirigenti senior, Chief Risk Officers (CROs), e Risk Manager in banche in tutto il mondo.

Per la prosperità delle risk function durante questo periodo di trasformazione fondamentale, le banche hanno bisogno di un portafoglio di iniziative che bilanci un forte business case a breve termine con l’abilitazione a lungo raggiungimento della visione obiettivo. Si tratta di digitalizzazione dei processi, uso delle tecniche di macchina-apprendimento e segnalazione interattiva di rischio. Essi dovrebbero essere integrati da attivatori come un cambiamento nel reclutamento verso profili più technology-savvy o l’introduzione di data lakes. Tuttavia, per avere successo, questa trasformazione potrebbe anche richiedere un cambiamento nella cultura del rischio organizzativo, ovvero l’adozione di un approccio che incorpora valori e principi comunicati in tutta l’organizzazione.

Immagine fornita da Shutterstock

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5