Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Kaspersky: più data privacy nel 2020

Nel 2020 oltre il 40% degli utenti intende proteggere maggiormente salute e privacy in rete tramite l’uso di password più sicure e la riduzione dei livelli di stress informatico

10 Gen 2020

Quest’anno il furto di password è aumentato del 60%. Allo stesso modo, il numero di furti legati alle credenziali di accesso, in particolare quelle per accedere ai siti web per adulti con un aumento di oltre il 100%.

Inoltre, oltre la metà degli utenti di internet (56%) ritiene utopistico il concetto di privacy online. 1 utente su 3 (32,3%) ha dichiarato di non sapere come proteggere la propria privacy in rete.

Per il nuovo anno però le previsioni migliorano. Un nuovo sondaggio condotto da Kaspersky ha dimostrato che il 42,3% degli utenti metterà in pratica alcuni buoni propositi digitali.

Propositi che riguardano la promessa di proteggere maggiormente la propria salute e privacy in rete tramite l’uso di password più sicure e la riduzione dei livelli di stress informatico. Uno stile di vita più cyber-savvy sarà uno dei trend del 2020.

Il sondaggio è stato condotto online su 2.000 utenti europei di età superiore ai 18 anni da un’agenzia di ricerche di mercato indipendente, Arlington Research, nel dicembre 2019.

Il desiderio di digital detox in aumento

Per il 29,1% degli utenti l’obiettivo è ridurre il tempo trascorso davanti ad uno schermo; per il 18,3% quello di smettere di addormentarsi con lo smartphone accanto al cuscino.

Un quarto degli intervistati ha scelto di eseguire più backup e di ripulire regolarmente il proprio desktop, mentre l’11,2% desidera cancellare tutti gli amici di Facebook mai incontrati di persona.

I consigli di Kaspersky per una vita digitale più sicura

Kaspersky  suggerisce di seguire alcuni semplici passi per proteggere le informazioni personali presenti in rete.

Innanzitutto, bisogna salvaguardare i dispositivi utilizzati per le transazioni online, che siano bancarie, per gli acquisti online o per socializzare, applicando le patch e un software di sicurezza internet.

È importante scegliere una password unica e complessa per ciascun account online, ma anche controllare le impostazioni per la privacy e la sicurezza e limitare ciò che può essere visto e condiviso.

Si consiglia di disattivare le applicazioni e le funzioni quando non vengono utilizzate, come i servizi di tracking e localizzazione e cancellare regolarmente i cookie. Infine, di verificare l’e-mail con servizi come “Have I Been Pwned” per controllare che gli account non siano stati compromessi.

 

Articolo 1 di 5