Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

La soluzione

Retail, così l’AI ridurrà il rischio frodi alle casse self service

La tecnologia, messa a punto da Fujitsu, prevede l’utilizzo di telecamere nei supermercati che grazie al machine learning e all’intelligenza artificiale potranno verificare la corrispondenza tra i codici a barre e gli articoli acquistati dagli utenti

15 Gen 2019

Antonello Salerno

Ridurre il rischio di frodi legato all’utilizzo delle casse self-service nei supermercati grazie all’utilizzo del machine learning e dell’intelligenza artificiale. E’ l’obiettivo della soluzione messa a punto da Fujitsu in collaborazione con una catena internazionale di ipermercati, che potrà favorire per il futuro un radicamento sempre più forte e “sicuro” dei punti di pagamento senza cassieri. 

Il sistema si basa sull’utilizzo di un sistema di telecamere installate sulle casse automatiche, che consente il controllo incrociato dei prodotti e dei loro codici a barre, impedendo ad esempio che possano essere sostituiti i codici a barre di prodotti più costosi con quelli di merci meno costose al momento del passaggio alla cassa degli articoli. Una soluzione che aiuterà a porre fine a un fenomeno particolarmente preoccupante per i punti vendita, come dimostra una ricerca su larga scala dell’università di Leicester, secondo cui i retailer europei e statunitensi che ricorrono alle casse automatiche registrano un tasso di taccheggio quasi doppio rispetto ai punti vendita che continuano a usare il metodo tradizionale.

La soluzione è stata sviluppata dall’AI Center of Excellence2 Fujitsu di Parigi-Saclay, ed è in grado di identificare le mancate corrispondenze tra i prodotti e i codici a barre passati sui lettori senza incorrere nei costi che comporterebbe aggiungere Gpu (Graphical Processing Unit) a ciascuna cassa.

I primi test sono in corso proprio in queste settimane: dopo una prima fase di machine learning nella quale il sistema apprende le caratteristiche visive essenziali dei vari prodotti che possono transitare per le casse, la soluzione è in grado di distinguere le differenze tra prodotti con prezzi diversi che possono avere lo stesso peso: se l’aspetto previsto di un prodotto non corrisponde a quello del codice a barre, la cassa automatica richiede un intervento manuale a scopo di controllo.

Fujitsu è andata ben oltre gli slogan della AI per offrire risultati di business concreti grazie a questa promettente tecnologia – afferma Bruno Sirletti, vice president e Head of retail & hospitality di Fujitsu Emeia La soluzione per la prevenzione delle frodi è una delle prime applicazioni commerciali che sono state sviluppate presso il nostro AI Center of Excellence di Parigi. Questo è un argomento particolarmente rilevante per i supermercati dal momento che le frodi compiute presso le casse self-service sono circa il doppio rispetto a quelle che avvengono presso le casse tradizionali con cassiere. Tuttavia, la nostra rivoluzionaria tecnologia riduce l’entità del problema rendendo molto difficile confondere la cassa automatica, e lo fa senza creare inconvenienti per i consumatori onesti. Abbattendo le frodi alle casse automatiche, i retailer possono compiere un passo avanti in direzione dei supermercati senza cassiere del prossimo futuro massimizzando nel contempo quanto già investito negli scanner”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5