Polizia di Stato e SIA rinnovano l'accordo sul cybercrime - Riskmanagement

Accordo

Polizia di Stato e SIA rinnovano l’accordo sul cybercrime

Una fattiva collaborazione tra pubblico e privato che risulta essere strumento fondamentale per la realizzazione di un efficace sistema di contrasto al cybercrime, basato sulla condivisione informativa e sulla cooperazione operativa

17 Giu 2020

Claudia Costa

Potenziare l’attività di prevenzione alla criminalità informatica attraverso la stipula di accordi con operatori che
forniscono infrastrutture e servizi essenziali. Rispettando le direttive impartite dal Ministero dell’Interno, è rinnovo per la convenzione tra Polizia di Stato e SIA che mira a contrastare i crimini informatici perpetrati verso sistemi e servizi informativi di particolare rilevanza per il Paese. Come quelli erogati dal Gruppo in particolare nella gestione di servizi di pagamento e di accesso ai mercati finanziario. A firmare la convenzione, il Capo della Polizia e Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, Franco Gabrielli, e l’Amministratore Delegato di SIA, Nicola Cordone.

WHITEPAPER
Quali sono stati i casi di cybercrime più aggressivi degli ultimi anni? Scoprilo nel white paper
Cybersecurity

Come spiega SIA in una nota “L’accordo rappresenta un’ulteriore tappa nel processo di costruzione di una fattiva collaborazione tra pubblico e privato: in considerazione dell’insidiosità delle minacce informatiche e della mutevolezza con la quale esse si presentano, risulta essere strumento fondamentale per la realizzazione di un efficace sistema di contrasto al cybercrime, basato sulla condivisione informativa e sulla cooperazione operativa”. Un compito che spetta al Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni che da anni si occupa della tutela delle reti informatiche, sia pubbliche che private, di rilievo nazionale e di importanza strategica per il Paese.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5