La ricerca

Sicurezza Iot, Juniper: “Nel multicloud serve un approccio olistico”

Secondo la ricerca realizzata in collaborazione con l’IoT Institute per difendersi dagli attacchi non bisogna partire dagli endpoint, ma dalle infrastrutture. Laurence Pitt: “La rete è la chiave per la difesa dalla maggiore esposizione alle minacce dovuta all’IoT”

13 Mar 2019

Antonello Salerno

“La rete è la chiave per la difesa delle risorse critiche dalla maggiore esposizione alle minacce dovuta alla proliferazione dei dispositivi IoT. Quando si accingono a potenziare il livello di sicurezza della propria organizzazione, i responsabili IoT dovrebbero dare la priorità agli investimenti in soluzioni di Advanced Threat Protection con funzionalità analitiche con cui affrontare la sfida dell’individuazione di minacce sconosciute”. Lo afferma Laurence Pitt, global security strategy director di Juniper Networks, commentando i risultati della ricerca sulla sicurezza dell’Internet of things al tempo del multicloud e del cloud ibrido.

DIGITAL EVENT 18 GIUGNO
Think Digital Summit: tecnologie e trend verso una nuova normalità
Cloud
Sicurezza

Lo studio ha coinvolto un campione di aziende impegnate nell’implementazione di progetti IoT, e mostra che il 29% del campione sta già implementano applicazioni IoT che utilizzano due o più cloud: le applicazioni IoT vengono eseguite su strutture differenti, principalmente in data center privati o centri di controllo (51%), al network edge (36%) e nel cloud pubblico. Uno sviluppo che – se da una parte rappresenta un’evoluzione naturale – apre sfide importanti dal punto di vista della cybersecurity, con i punti deboli che potrebbero essere identificati nella compliance, nella mancanza di integrazione tra i diversi sistemi di protezione e nella carenza di personale qualificato. 

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

L
Laurence Pitt

Aziende

J
Juniper

Approfondimenti

C
cloud
C
cybersecurity

Articolo 1 di 5