L'agricoltura europea e il risk management della PAC - Riskmanagement

Europa

L’agricoltura europea e il risk management della PAC

Uno studio di CEIGRAM sugli strumenti di gestione del rischio agricolo adottati dagli Stati membri alla luce delle disposizioni della nuova Politica Agricola Comune che copre il periodo tra il 2014 e il 2020

17 Dic 2018

L’agricoltura europea affronta importanti livelli di incertezza e insicurezza su tutti i fronti. Tra le sfide figurano l’uso più sostenibile delle risorse naturali, i cambiamenti climatici, la crescente concorrenza sui mercati globali e la necessità di mantenere aree rurali prospere in tutta l’UE.

I rischi che gli agricoltori devono superare, sono spesso percepiti in modo diverso dagli Stati Membri, il che li ha portati a sviluppare approcci differenti e personali di gestione del rischio. La riforma della Politica Agricola Comune (PAC) del 2013 ha inaugurato una nuova era per l’UE per quanto riguarda lo sviluppo e l’attuazione di strumenti alternativi di gestione del rischio. Si trattava di trovare un equilibrio tra il perseguimento di obiettivi politici comuni e il permesso di ciascun Stato Membro di mantenere quei mezzi che hanno funzionato rispetto al proprio approccio di gestione del rischio.

La ricerca di CEIGRAM

Il Research Centre for the Management of Agricultural and Environmental Risks (CEIGRAM) ha condotto uno studio intitolato State of play of risk management tools implemented by MS during the period 2014-2020: national and European frameworks“.

Lo scopo era esaminare il grado di attuazione da parte degli Stati membri alla luce delle disposizioni sulla gestione dei rischi del regolamento (UE) n. 1305/2013, presentato alla Commissione per l’agricoltura e lo sviluppo rurale (AGRI) nel 2014.

WHITEPAPER
Big Data Analytics: dai browser ai social. Come analizzare la quantità crescente di dati?
Big Data
Business Analytics

Si evincono 3 aspetti:

  • panoramica generale dello stato di avanzamento nella gestione dei rischi 2014/2020 analizzando i programmi di sviluppo presentati dagli Stati membri (o dalle regioni);
  • somiglianze e differenze negli strumenti di gestione del rischio al fine di ottenere una migliore comprensione del loro scopo e design, i loro limiti e la loro efficienza potenziale;
  • suggerimenti sulla futura PAC per affrontare più efficacemente incertezze sul reddito e volatilità del mercato.

Le principali conclusioni

Dalla ricerca traspare che:

  • L’UE non offre un quadro di sostegno omogeneo per gli strumenti di gestione del rischio agricolo. Gli Stati Membri hanno sviluppato modelli di gestione del rischio che differiscono nel tipo e nella misura, ma anche nel livello di copertura e sovvenzione. In pratica, sono adattati all’entità dei rischi che si ritrovano ad affrontare.
  • Ogni riforma delle Politiche Agricole Comuni dovrebbe essere compatibile con i modelli di supporto esistenti implementati dagli Stati Membri: dovrebbe aiutare a migliorarli, ampliarli e non mettere mai a rischio i sistemi che funzionano e che hanno fornito aiuto agli agricoltori. Nella prossima Riforma della PAC, le coperture sul rischio di mercato/prezzo dovrebbero essere facoltativamente coperti da redditi o entrate assicurative sovvenzionate.
  • I rischi dovrebbero essere strutturati in diversi livelli di gravità, natura sistemica e lungo l’asse di rischio normale-catastrofico. Questo consentirebbe il posizionamento di diversi strumenti, lo stabilimento dei canali di comunicazioni attraverso i quali trasferire il rischio e la costruzione un partenariato pubblico-privato efficace.
  • Le norme vigenti sono inefficaci per prevenire la crisi reale e la riserva di crisi non raggiunge efficacemente il suo obiettivo.
  • L’attuazione dell’assicurazione entrate/proventi dovrebbe richiedere significativi studi tecnici di fattibilità, compresi i mezzi per valutare le perdite di reddito, lo sviluppo di reddito robusto o indici di entrate, creazione di banche dati, istituire controllo e metodi di monitoraggio, cercando complementarità con sistemi assicurativi esistenti
  • Le esigenze di riassicurazione possono essere grandi e costose, ma c’è spazio per definire una coassicurazione/riassicurazione efficace regimi in un partenariato pubblico-privato.
@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

A
AGRI
C
CEIGRAM

Approfondimenti

A
agricultural risk
R
risk management

Articolo 1 di 5