Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Scenari

Il Digital Risk Management secondo McKinsey

Cosa significa attuare una operazione di digitalizzazione dei processi di gestione del rischio. I benefici si possono estendere anche alla risk function

07 Gen 2018

La digitalizzazione è profondamente radicata nella strategia bancaria, poiché quasi tutte le attività e business commerciali sono stati programmati per la trasformazione digitale. I vantaggi rispetto all’esperienza cliente, alle entrate e ai costi diventano sempre più concreti. Benefici che potrebbero coinvolgere anche la risk function, investita da una crescita significativa dei costi nell’ultimo decennio. Trasformazioni digitali applicate in quest’area stanno creando un valore di business reale migliorando l’efficienza e la qualità delle decisioni di rischio. Una risk function digitalizzata offre anche un migliore monitoraggio e controllo, ma anche una conformità normativa più efficace.

Una ricerca di McKinsey & Company esplora il terreno del digital risk, analizzando i progressi conseguiti nell’automazione della risk function e la situazione delle banche. Fornisce inoltre degli spunti su cui lavorare per accogliere la digitalizzazione in modo profittevole.

Cosa si intende per digital risk

L’approccio utilizza l’automazione del flusso di lavoro, il riconoscimento ottico dei caratteri, l’analisi avanzata (compreso l’apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale) e nuove fonti di dati, nonché l’applicazione della robotica a processi ed interfacce. Essenzialmente, il rischio digitale implica un aggiustamento di processi, dati, analisi e IT e l’impostazione organizzativa complessiva, inclusi talento e cultura.

Secondo McKinsey & Company, le iniziative di rischio digitale applicate alla risk function possono garantire efficienza e guadagni di produttività, con una riduzione dei costi operativi del 20-30% nei processi di credito end-to-end e nei rischi operativi, attraverso una maggiore automazione e analisi. L’efficacia del rischio può essere rafforzata con una trasparenza superiore, ottenuta attraverso una migliore gestione e reporting normativo e una maggiore accuratezza dei risultati del modello grazie a dati migliori. L’aumento dei ricavi può essere ottenuto migliorando i prezzi o migliorando l’esperienza del cliente e del front-end, ad esempio riducendo il tempo di ciclo del know-your-customer (KYC) da una settimana a meno di un giorno o il processo di richiesta del mutuo a meno di 30 minuti, da 10 a 12 giorni.

La situazione odierna

Molte sono le opportunità per la gestione del rischio in banche globali, multiregionali e regionali. Tuttavia, gli attuali processi di risk management sono ad alta intensità di risorse e insufficientemente efficaci, come indicato dalle multe medie annuali superiori a $ 400 milioni per le sole attività legate al rischio di conformità.

I cambiamenti strutturali necessari per ridurre i costi e migliorare l’efficacia del rischio possono essere realizzati in modo molto simile alle trasformazioni digitali attuate in altri comparti bancari. Tuttavia, esistono importanti implicazioni. In primo luogo, i professionisti del rischio nella maggior parte delle giurisdizioni normative sono stati sottoposti a pressioni estreme per soddisfare i requisiti normativi in ​​evoluzione. In secondo luogo, i Chief Risk Officer sono stati cauti sugli approcci test-and-learn caratteristici della trasformazione digitale, in quanto il costo degli errori nell’ambiente di rischio può essere elevato. Di conseguenza, i progressi nella digitalizzazione dei processi a rischio sono stati particolarmente lenti.

Sistemi, processi, comportamenti

I leader bancari globali iniziano a riconoscere che con un’agenda digitale mirata al rischio e approcci modulari, si libera un valore sostanziale fornendo obiettivi specifici per il rischio. Si tratta di garantire l’efficacia continua dell’ambiente di controllo e aiutare la funzione di rischio ad applicare la tecnologia per rispondere meglio alle aspettative normative in settori chiave come la misurazione del rischio, l’aggregazione e il reporting.

Per realizzare tutti i vantaggi dell’automazione dei processi e delle decisioni, le banche devono garantire che i sistemi, i processi e i comportamenti siano adeguatamente adattati allo scopo previsto. I casi prioritari di utilizzo del rischio digitale sono isolati in aree come la sottoscrizione del credito, lo stress testing, il rischio operativo, la conformità e il controllo. Nella maggior parte delle banche, i processi attuali si sono sviluppati organicamente, senza uno stato finale chiaramente progettato, quindi i flussi di processo non sono sempre razionali ed efficienti. Le strutture operative dovranno essere ridisegnate prima che l’automazione e il supporto decisionale possano essere abilitati di conseguenza.

Dati, analisi e architettura IT  sono i fattori chiave per la gestione del rischio digitale. È necessario un chiaro impegno istituzionale per definire una visione dei dati, aggiornare i dati sui rischi, stabilire una governance dei dati solida, migliorare la qualità dei dati e i metadati e costruire la giusta architettura dei dati.

Sebbene l’innovazione del rischio si svolga in un’area molto specifica e altamente sensibile, i professionisti del rischio devono ancora creare una solida cultura dell’innovazione. Ciò significa mettere in campo il talento giusto e coltivare una mentalità innovativa di “test and learn”. I processi di governance devono consentire risposte agili a un ambiente tecnologico e normativo in rapido movimento. Gestire questa cultura dell’innovazione in modo appropriato per il rischio costituisce una sfida chiave per la funzione di rischio digitalizzato.

Articolo 1 di 5